CHE INFESTANTE È? La tignola fasciata delle farine
La Plodia Interpunctella, nota comunemente come “tignola fasciata delle farine”, è un insetto cosmopolita che infesta non solo le nostre case, ma ristoranti, negozi di alimentari, magazzini, negozi di animali, aziende produttrici di sementi, mulini.
 
PERCHÉ BISOGNA CONOSCERLA E COMBATTERLA
È la specie polifaga per eccellenza, può infestare una grandissima quantità di sostanze alimentari secce di origine vegetale (cereali, farina di grano saraceno, castagne secche, farina di castagne, mandorle, fave, gallette, nocciole, noci, pinoli, pistacchi, arachidi, ciliegie secche, prugne secche, fichi secchi, datteri, soia, lino, carote, cioccolato, medicinali, collezioni, pellicce, mangimi per uso zootecnico).
  • La larva è la vera responsabile dei danni provocati alle derrate, nonché di una notevole produzione di contaminanti quali: escrementi, tele sericee, esuvie. L’adulto invece non provoca danni diretti agli alimenti, ma risulta essere altamente inquinante.
  • Fattori predisponenti: il loro ciclo biologico è favorito generalmente da condizioni di umidità di circa il 75 % e da una temperatura di 25 °C.
  • Sono noti casi di eczemi, dermatiti e pruriti dovuti al contatto con i suoi escrementi e le esuvie delle larve. Ma non solo: la presenza di parti di insetto possono rappresentare possibili fonti di allergeni per ingestione, sotto forma di frammenti cuticolari inglobati negli alimenti.

 
È una Plodia se:
  • Uovo: ovoidale, inizialmente bianco, poi grigiastro. Lunghezza 0,5-0,6 mm
  • Larva: biancastra o carnicina, in relazione al nutrimento. A maturità 7-21 mm.
  • Crisalide: appena formata è bianco sporco, poi più scura fino al bruno intenso. Misura normalmente 7-8 mm.
  • Adulto: le ali anteriori sono metà biancastre e metà color rame lucente, rigato da fasce nerastre; le ali posteriori sono biancastre; apertura alare 15-16 mm. Il capo è bruno rossastro e il resto del corpo grigiastro. 
Il suo nome esatto è:
  • Genere: Plodia
  • Specie: P. interpunctella
  • Famiglia: Pyralidae
  • Ordine: Lepidoptera
Non è una Plodia se:
  • Uovo: subovale di consistenza molle, appena deposto bianco poi roseo.
  • Larva: appena nata ha corpo roseo o bianco sporco con capo scuro, una volta matura è biancastra ed è lunga circa 8-9 mm.
  • Crisalide: il colore varia nel tempo da bianco sporco a bruno scuro quasi nero, lunga 8-9 mm.
  • Adulto: ha le ali anteriori grigio cenere e le posteriori bianco grigiastro, con apertura alare 20-25 mm. Corpo grigio lungo circa 10-14 mm.
In questo caso è una Ephestia kuehniella 
 
PECULIARITÀ
  • In tutto il mondo è ritenuta la specie responsabile del 97-98% di infestazioni da lepidotteri.
  • È considerata l’indicatore tipico della mancata rotazione di materie prime nei magazzini.
  • Le uova di Plodia vengono comunemente parassitate da Tricogrammatidi, le larve da diversi rappresentanti della superfamiglia Chalcidoidea.
  • Le femmine di Plodia sanno riconoscere come conveniente luogo di ovideposizione gli imballaggi contenenti alimenti, rispetto quelli vuoti.
  • La larva NON penetra nelle cariossidi ma vive nello strato superficiale delle derrate.
  • Caratteristica è la produzione di fili sericei da parte delle larve sul materiale attaccato.
CARATTERISTICHE BIO-ETOLOGICHE
Prendendo ad esempio un magazzino non condizionato, l’adulto sfarfalla a fine maggio - inizio giugno, seguito dall’accoppiamento e dalla deposizione delle uova sul substrato alimentare dopo qualche giorno. Ogni femmina depone da 100 a 400 uova, che schiudono dopo 4/14 giorni, in relazione alla temperatura. La larva attacca immediatamente il substrato. Inizialmente cerca alimenti ricchi di amidi, poi necessita anche di grassi. Quando giunge il momento di incrisalidarsi aumenta la produzione di seta e si sposta verso crepe e fessure presenti sulle pareti dei magazzini. Lo stato di crisalide dura 1-3 settimane.
Se la Plodia vive in una ambiente con 30°C completa il suo ciclo in 5 settimane, quindi compie 3-4 generazioni all’anno, ma bisogna essere attenti perché a volte queste si accavallano e quindi si trovano adulti tutto l’anno.
La Plodia sverna come larva in diapausa e si rinviene d’estate anche all’aperto essendo un insetto ambientale.